Perché quel brufolo mi torna sempre nello stesso punto?

Da quando studio la dermatologia mi ha sempre incuriosito molto la topografia delle lesioni, ovvero la loro forma e la loro disposizione: perché alcune lesioni sono simmetriche? perché alcune vengono sempre nella stessa posizione? perché la maggior parte delle lesioni sono rotonde? Alcune di queste domande hanno una risposta nell’anatomia:

  1. Le chiazze della vitiligine ad esempio corrispondono ad uno più unità melaniche sottostante ovvero ad un difetto o ad un danno di uno o più melanociti dalla cui attività dipende la pigmentazione di un’area tondeggiante di pelle sovrastante
  2. Le lesioni dell’herpes simplex corrispondono all’area dj innnervazione di un nervo, quello dentro al quale si annida il virus tra una riattivazione e l’altra.
  3. Alcune chiazze possono corrispondere all’area vascolarizzata da un particolare vaso.
  4. Le chiazze di una pitiriasi, di una tigna, corrispondono alla crescita di una colonia di funghi, le colonie di funghi e batteri tipicamente crescono con una forma circolare.

Ma perché le chiazze di alopecia areata sono tondeggianti? Perché le chiazze di eczema o psoriasi sono tondeggianti? 

  1. Una spiegazione potrebbe coinvolgere la migrazione di cellule del sistema immunitario che arrivano in loco, escono dai vasi e poi si espandono, anche loro come fossero una colonia.

E se le cellule del sistema immunitario non si espandessero a caso? Se si espandessero solo dove trovano un particolare battere o fungo? O addirittura un particolare ceppo di quel battere o fungo.

E perché sembra che alcuni brufoli si ripresentino sempre nella stessa identica posizione?

  1. Qui sembra che la spiegazione possa derivare proprio dallo studio dei batteri a livello di ceppo e arrivo finalmente a commentare questo recentissimo studio su Cell Host & Microbe.

Dopo averci stupito dicendoci che i C. Acnes non sono tutti uguali* e ce ne sono alcuni ceppi (genotipi, ribotipi) benigni e alcuni patogeni, adesso i ricercatori si spingono ancora piu in là;

  1. Diversi ceppi di C. acnes coesistono sulla pelle di un individuo ma non all’interno dello stesso poro.
  2. Le colonie isolate dallo stesso poro della pelle sono quasi monoclonali (<1 mutazione)
  3. È proprio la conformazione anatomica a “collo di bottiglia’ piuttosto che una qualche forma di selezione a determinare una bassa diversità all’interno dei pori.
  4. La frammentazione delle popolazioni isolate nei loro microambienti limita la competizione tra i genotipi di C. acnes.

Questo potrebbe davvero spiegare la tendenza ad infiammarsi e a creare il brufulo di alcuni follicoli piuttosto che altri.

E potrebbe fornire un’ipotesi per spiegare come mai le chiazze di alopecia si limitano ad alcuni follicoli e non si allargano a quelli circostanti. O perché la psoriasi o l’eczema formano delle chiazze tondeggianti. Potrebbe.

* in realtà se vi ricordate il mio libretto sull’acne aveva come sottotitolo “non tutti i batteri vengono per nuocere”, anche se lo avevo detto con un altro significato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...