L’asse intestino-pelle potrebbe fornire la risposta all’idrosadenite suppurativa

Foto: images.medicinenet.com

Lo studio di McCarthy e colleghi, presentato all’EADV, ha testato campioni fecali, nonché tamponi nasali e cutanei dimostrando un’alterata biodiversità sia a livello cutaneo che intestinale dei pazienti con idrosadenite suppurativa e ha evidenziato livelli anormali di specifiche specie batteriche. Patterns microbioci specifici della pelle e dell’intestino dei pazienti in questo studio suggeriscono che, come per la psoriasi, l’idorsadenite potrebbe essere una buona candidata per terapie mirate al microbioma che agiscano attraverso l’asse intestino-pelle.

Leggi l’articolo originale (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...